Chi Siamo

Il Centro Medico Sanatrix  nasce nel lontano 1983 dall’intuizione del Dott. Di Leo, noto pediatra del vulture – melfese, ed è stata una delle prime strutture in Basilicata ad essere convenzionata con la Regione e con il Servizio Sanitario Nazionale per la branca della medicina fisica e riabilitativa.

Nel dicembre dell’anno successivo è stata disposta, con Decreto del Presidente della Giunta Regionale, l’instaurazione del rapporto convenzionale per l’erogazione dell’assistenza specialistica ambulatoriale in regime convenzionato esterno per la branca della fisioterapia e riabilitazione.

 

Centro Medico Sanatrix

Codice Etico

Il presente Codice Etico e Sistema Disciplinare della Società Centro Medico Sanatrix, di seguito denominato “Codice Etico” od anche semplicemente “Codice” è stato redatto nel maggio 2019.

Il Codice è un insieme di principi e di regole la cui osservanza è di fondamentale importanza per il buon funzionamento e il miglioramento dell’affidabilità della Società.

Esso rappresenta la “Carta dei diritti e dei doveri fondamentali” attraverso cui la Società:

  • chiarisce le proprie responsabilità etiche e sociali versi i diversi portatori di interessi interni ed esterni, quali ad esempio: soci, dipendenti, collaboratori, fornitori, enti e clienti;
  • ricerca forme di bilanciamento e/o punti di equilibrio tra i molteplici interessi e le legittime aspettative avanzate dagli stakeholder.

L’adozione del presente Codice si pone l’obiettivo primario di soddisfare quindi, nel migliore dei modi, le necessità e le aspettative degli interlocutori dell’Azienda, mirando a raccomandare e a promuovere un elevato livello di professionalità e a vietare quei comportamenti che si pongono in contrasto non solo con le disposizioni normative di volta in volta rilevanti, ma anche con i valori che l’Azienda intende promuovere.

L’agire individuale e collettivo dei dipendenti e collaboratori dell’Azienda deve perciò essere in sintonia con le politiche aziendali e deve tradursi concretamente in collaborazione, responsabilità sociale e rispetto della normativa vigente seguendo gli standard di comportamento individuati dal Codice Etico.

Il Codice Etico è dunque una sorta di “contratto morale”, un “vincolo” personale di ciascuno che permetterà a tutti di adottare una visione etica ed una cultura condivisa.

 

LE PREMESSE

Che cos’è l’etica

L’etica esprime, secondo la concezione delle Società, l’insieme di regole di condotta seguite, non certo necessariamente per obbligo giuridico, dal singolo e/o dal gruppo, tutti accomunati da un comune interesse e da una identica e unica finalità.

Il raggio d’azione dell’etica riguarda la vita quotidiana: essa opera e conduce, senza alcuna previsione di punizione legale, tuttavia la mancata osservanza implica una disapprovazione sociale.

Secondo il filosofo Immanuel Kant è «etico » il comportamento di chi opera guidato non da timore di punizione o dalla speranza di ricompensa opportunistica ma dalla propria ragione «in modo da trattare l’umanità, così nella propria persona come in quella di ogni altro, sempre come un fine, mai semplicemente come un mezzo per raggiungere un fine».

I principi etici generali

I principi su cui si basa il Codice Etico aziendale sono i seguenti:

  • comportamento della Società e dei suoi diversi interlocutori eticamente corretto e conforme alle leggi;
  • lealtà dei dipendenti e collaboratori nei confronti della Società;
  • correttezza, cortesia e rispetto nei rapporti fra i colleghi;
  • professionalità e diligenza professionale;
  • rispetto dell’ambiente e della salute e sicurezza dei dipendenti e collaboratori.

La Società si adopera per dare concretezza ai valori ed ai principi contenuti nel Codice, facendosi carico delle responsabilità verso l’interno e verso l’esterno e rafforzando la fiducia, la coesione e lo spirito aziendale. Si impegna perciò in azioni di formazione/informazione sui contenuti del Codice con gli obiettivi di:

  • promuovere e rafforzare la cultura di impresa intorno ai valori riconosciuti;
  • divulgare le norme, le procedure e le prassi cui attenersi;
  • ampliare il consenso ai principi di base del presente Codice.

 

L’etica aziendale

La Società mantiene un comportamento etico non solo quando il suo agire è conforme alla legge ma anche quando svolge un ruolo positivo verso e all’interno del contesto sociale ed economico in cui opera.

Nell’ambito delle attività, la Società si impegna a sviluppare due distinte mission: la prima riguarda la politica di impresa e il suo controllo, l’altra i comportamenti individuali, prevenendo quelli illeciti, irresponsabili e immorali.

La missione delinea il ruolo, il valore che la Società offre a clienti, collaboratori e fornitori, e gli impegni assunti nei confronti di tutti i soggetti interessati.

Osservare il Codice Etico significa che chi è chiamato a prendere una decisione (e tutti, nessuno escluso!, siamo pressoché di continuo chiamati a farlo) deve salvaguardare il benessere e il rispetto di tutti!

Con questo Codice Etico si vogliono fissare i valori ed i comportamenti che possano servire ad ognuno per lavorare in un ambiente sereno, in cui il singolo si prefissa un obiettivo da raggiungere che non è individuale bensì comune, la cui valenza non dovrà essere solo meramente economica, quanto innanzi tutto sociale.

Ad esempio, se oggi sono chiamato ad eseguire un certo lavoro, mi pongo interrogativi del tipo “quanto impatterà questa mia azione sul futuro di qualcuno?”, “rimando a dopo questo lavoro, magari per distrazione, pigrizia, mancanza di concentrazione … ma quali saranno le conseguenze di tale <non fare>  e chi ne pagherà in una qualche maniera le conseguenze?” … ?!?

Se eseguo una prestazione distraendomi di frequente, magari dedicandomi appena ne ho occasione ad una sbirciata sui social piuttosto che ai ricorrenti messaggini whatsapp, quale è l’impatto sulla qualità della terapia, sul risultato atteso e, dunque, sulla stessa vita del mio cliente che, come se non bastasse, è una persona portatrice di bisogni, oltre che in una qualche maniera l’origine stessa del mio reddito?

Questo interrogativo, apparentemente banale, è poi davvero così privo di concrete implicanze negative, alcune volte persino anche sotto il profilo legale?

Se presto la mia opera al di fuori del mio impiego lavorativo, magari anche in nero, dunque senza pagarci neppure le tasse, spesso in una qualche maniera nascondendomi, cercando di non appalesare il mio procedere, in una sorta di illegalità assoluta … sono certo di condurre la mia vita con dignità e onore? Sono certo che questo mio procedere, al di là del mero profitto immediato, mi consente di poter vivere in serenità, innanzi tutto con me stesso, oltre che dinanzi alla mia famiglia, ai miei figli?

Presto la giusta attenzione ai bisogni del paziente, sono sempre attento alle sue necessità, considero il mio prossimo quale “soggetto” da sostenere e non già mero “oggetto” dal quale trarre in una qualche maniera lucro?

La responsabilità sociale

La Società crede che la propria attività imprenditoriale, per potersi qualificare come eticamente responsabile, debba perseguire modelli di gestione e conduzione che rispettino e salvaguardino i diritti umani, le capacità rigenerative della Terra ed il benessere delle comunità, promuovendo lo sviluppo umano in modo equo e sostenibile.

 

I PRINCIPI GENERALI

Premesse

La Società svolge la propria attività di impresa nel costante rispetto del presente Codice, sia nei rapporti interni che nelle relazioni con i terzi, impegnando ciascuno nell’ambito delle rispettive competenze ed in relazione alla posizione ricoperta nell’organizzazione aziendale.

La Società raccomanda ai partner con i quali intrattiene rapporti di collaborazione, l’adozione di un codice etico conforme al presente.

Destinatari del Codice Etico sono i componenti degli organi sociali, i dipendenti ed i collaboratori della Società, i quali sono obbligati, per quanto di propria competenza, al rispetto delle disposizioni ivi previste.

La Società richiede anche ai propri fornitori, appaltatori, subappaltatori, committenti, clienti, consulenti, di agire, nei rapporti con la Società medesima, in coerenza con quanto previsto nel presente Codice.

Principi di comportamento

Nello svolgimento della propria attività e, in particolare, nei rapporti interni e con i terzi, la Società si conforma ai principi di legalità, lealtà, correttezza e trasparenza.

Principio di Trasparenza

Nello svolgimento di tutte le relazioni la Società assicura ai propri interlocutori accesso alle informazioni, utili a interpretare correttamente e a rendere trasparente il proprio comportamento.

Allo stesso modo, tutti coloro che hanno una responsabilità all’interno della “comunità aziendale” adottano uno stile di comportamento non equivoco nei confronti di tutte le parti interessate.

La trasparenza è il principio che dovrà essere adottato in ogni iniziativa.

Ogni azione svolta da ciascuno non deve essere in alcun modo influenzata da offerte o promesse di somme di denaro, beni, benefici, facilitazioni o prestazioni di ogni genere e natura, dirette ed indirette, anche in favore di amici e parenti.

Principio di correttezza

Nella gestione dei rapporti che implicano l’instaurarsi di relazioni gerarchiche la Società richiede che la facoltà sia esercitata con equità e correttezza, vietando ogni comportamento che possa essere ritenuto lesivo della dignità ed autonomia del collaboratore o del collega interessato.

Va evitata ogni forma di discriminazione basata su razza, nazionalità, sesso, età, disabilità, orientamenti sessuali, opinioni politiche o sindacali, convinzioni religiose verso qualunque soggetto interno ed esterno.

Non sono tollerate molestie sessuali o atti di violenza fisica o psicologica. La Società si impegna a tutelare l’integrità morale dei collaboratori garantendo il diritto a condizioni di lavoro rispettose della dignità della persona.

Principio di legalità

La legalità rappresenta il principio fondamentale alla base di tutte le attività, le iniziative, le scelte e le comunicazioni:  è l’elemento essenziale della gestione aziendale.

I rapporti con gli stakeholder, a tutti i livelli, devono essere improntati a criteri di correttezza, coerenza, lealtà e reciproco rispetto.

Legalità d’impresa non è solo osservanza delle regole legali ma richiamo a princìpi e valori condivisi. La Società, e dunque chi ne fa parte a qualsivoglia titolo, non deve solo “obbedire” alla legge, ma innanzi tutto condividere i valori di una giusta, serena e leale convivenza.

I membri degli organi sociali, i dipendenti ed i collaboratori rispettano il presente Codice Etico ed i regolamenti interni della Società, pure espressi a mezzo di procedure, anche nei rapporti verso l’esterno esigendo il rispetto delle proprie scelte e del proprio comportamento. In nessun caso, il perseguimento dell’interesse della Società può giustificare una condotta in violazione dei predetti principi.

Conflitti di interessi

I membri degli organi sociali, i dipendenti ed i collaboratori della Società evitano tutte le situazioni nelle quali potrebbero trovarsi, anche potenzialmente, in conflitto di interessi con la Società stessa, rendono noto e si astengono dal procurarsi vantaggi personali nello svolgimento delle rispettive attività.

In particolare, i dipendenti ed i collaboratori della Società, ferme restando le eventuali previsioni legislative e contrattuali, comunicano tempestivamente le predette situazioni all’amministratore della Società, così operando nel rispetto del presente Codice Etico.

E’ fatto dunque espresso divieto di eseguire, per qualsivoglia motivo ed anche al di fuori degli ambiti lavorativi, qualsiasi attività che in una qualche maniera possa seppur solo potenzialmente porsi in conflitto di interesse con la Società.

Riservatezza

La Società tutela il principio di riservatezza delle informazioni, dei dati e delle notizie attinenti la propria attività assicurando che esso sia rispettato e salvaguardato anche dai propri dipendenti e collaboratori.

Al fine di salvaguardare il know-how tecnico, finanziario, legale, amministrativo e di gestione, i membri degli organi sociali, i dipendenti ed i collaboratori sono tenuti a non divulgare le informazioni non di pubblico dominio e ad utilizzarle per scopi strettamente connessi all’esercizio della proprie funzioni, senza abusare, direttamente o indirettamente, di tale privilegio informativo, nell’interesse proprio o di terzi e senza arrecare pregiudizio alla Società.

L’obbligo di riservatezza deve essere rispettato anche al di fuori dell’orario di lavoro od a seguito di sospensione del contratto di collaborazione.

Rispetto dell’Ambiente

La Società considera l’ambiente un valore primario e gestisce le attività aziendali nel pieno rispetto della normativa vigente in materia ambientale.
Ciascuno è impegnato, ed in ogni attività svolta, al porre attenzione e cura alla salvaguardia dell’ambiente, ponendo in essere ogni possibile condotta tesa alla salvaguardia del bene comune.

 

Antiriciclaggio

La Società vieta a tutti i dipendenti ed i collaboratori di acquistare, sostituire o trasferire denaro o beni nella consapevolezza della provenienza illegale degli stessi.

Inoltre, la Società vieta di:

  • incassare somme in contanti (ad eccezione di pagamenti di modesta entità di cui deve essere tenuta traccia in contabilità);
  • ricevere pagamenti da conti cifrati o da soggetti non identificabili;
  • effettuare pagamenti in contanti o con mezzi non tracciabili superiori ai limiti previsti dalla Legge.

 

RAPPORTI INTERNI

Rapporti con dipendenti e collaboratori

Nel selezionare i dipendenti ed i collaboratori, la Società valuta i candidati sulla base di criteri di merito, di competenza e di professionalità, tenendo conto delle specifiche esigenze aziendali e astenendosi da comportamenti discriminatori

Nella stipulazione dei contratti con i dipendenti ed i collaboratori, la Società si attiene alle regole stabilite dalla normativa di volta in volta applicabile e dalla contrattazione collettiva vigente.

Nella gestione dei rapporti con i dipendenti ed i collaboratori, la Società riconosce e tutela tutti i diritti di cui questi godono.

 

Formazione e tutela delle risorse umane

La Società tutela e promuove la formazione dei propri dipendenti e collaboratori al fine di arricchirne l’esperienza culturale e professionale.

Le risorse umane rappresentano un elemento indispensabile per la Società che considera la loro professionalità e l’impegno profuso come valori essenziali al raggiungimento degli obiettivi comuni.

La Società rispetta e tutela la dignità, la salute e la sicurezza dei propri dipendenti e collaboratori, in particolare, l’integrità fisica e morale, assicurando condizioni lavorative  ottimali anche nel completo rispetto della normativa vigente in materia di sicurezza e salute dei lavoratori.

La Società vigila costantemente affinché non accadano atti di violenza o di coercizione psicologica nonché atteggiamenti e comportamenti che ledano la dignità della persona.

Essa, infine, promuove programmi di promozione dei valori etici e morali, favorisce il sostegno al volontariato e pianifica azioni di tutela del welfare.

Sicurezza e salute sul lavoro

La Società riconosce che i propri dipendenti e collaboratori costituiscono un fattore di fondamentale importanza per la crescita della Società stessa. Si impegna dunque a evitare  qualsiasi forma di discriminazione nei loro confronti offrendo le medesime opportunità e trattamenti.

Garantendo un ambiente di lavoro sano e ottimale, la Società promuove la sicurezza nel lavoro, anche attraverso incontri informativi e formativi del personale.

La Società considera comportamenti riprovevoli ed offensivi e, pertanto, vieta di:

  • prestare servizio sotto gli effetti di abuso di sostanze alcoliche, stupefacenti o di sostanze che abbiano effetti analoghi;
  • detenere in qualsiasi luogo che sia riconducibile alla Società, materiale pornografico;
  • interferire nell’esecuzione di prestazioni lavorative altrui al fine di ostacolarne il risultato;
  • ostacolare prospettive di lavoro individuali per motivi di competitività personale.

La Società, inoltre, promuove azioni che tendano alla diffusione della consapevolezza del danno da fumo e pianifica iniziative volte al superamento del ricorso a tale pratica di forte danno alla salute.

Trattamento dei dati personali, utilizzo del sistema informatico e tutela del diritto d’autore

La Società presta particolare attenzione ad attuare le prescrizioni in materia di protezione e tutela dei dati e si impegna a proteggere le informazioni relative ai dipendenti e collaboratori generate o acquisite all’interno ed all’esterno della Società e ad attivare ogni utile accorgimento per evitare un uso improprio di tali informazioni.

Tutti i documenti aziendali, i messaggi di posta elettronica ed altri materiali contenenti informazioni aziendali sono di proprietà della Società e devono ad essa essere restituiti su richiesta della medesima o comunque al termine del rapporto di lavoro. E’ fatto espresso divieto di divulgazione del patrimonio aziendale immateriale, dunque è da considerarsi grave violazione l’invio a mezzo di sistemi elettronici o comunque la mera esecuzione di copia su supporti informatici o qualunque altra forma di qualsivoglia bene aziendale, fatti salvi i soli casi di documentata necessità lavorativa.

E’ fatto divieto di danneggiare illecitamente il sistema informatico della Società rappresentando una preziosa risorsa di lavoro. La Società, nel garantire che i software in uso sono provvisti di licenza d’uso, obbliga i suoi dipendenti a non utilizzarne di propri o comunque non opportunamente licenziati.

Principi di comportamento dei dipendenti e dei collaboratori nei rapporti con la Società

Il comportamento di ogni dipendente e collaboratore si adegua ai principi di professionalità, trasparenza, correttezza e legalità dettati dal Codice Etico; la Società vigila affinché tutti possano operare in sintonia e nel pieno rispetto delle politiche aziendali, sia nei luoghi di lavoro che all’esterno.

Ogni dipendente o collaboratore che venisse a conoscenza di violazioni ovvero di tentate violazioni del presente Codice Etico e comunque delle norme di legge, regolamentari, di tutela della concorrenza e morali, è tenuto a segnalarle alla Società, dovendosi altrimenti qualificarsi ogni omissione come sostanziale complicità e conseguente corresponsabilità.

Ciascun dipendente e collaboratore svolge la sua opera con giustizia, attenzione e scrupolo.  Nello svolgimento delle proprie attività lavorative non utilizza i social e limita l’uso privato dei mezzi di comunicazione, anche personali, alle sole necessità impellenti, provvedendo altresì a gestire, nel novero degli orari di lavoro, con oculatezza e parsimonia i momenti di socialità e breve svago.

Principi di comportamento dei dipendenti e dei collaboratori nei rapporti interpersonali

Il comportamento di ogni dipendente e collaboratore è improntato alla piena linearità e collaborazione interpersonale, sono considerati disdicevoli atteggiamenti di chiusura e sostanziale ostacolo alle attività altrui, così come sono da apprezzare comportamenti di piena apertura, accoglienza ed aiuto reciproco.

La trasmissione e condivisione delle conoscenze acquisite è da considerarsi elemento fondante del comportamento dei dipendenti e dei collaboratori nei rapporti interpersonali, ancor più se aventi ad oggetto competenze acquisite nel novero delle esperienze e formazioni aziendali.

Lo scambio delle informazioni ed il sostegno interpersonale sono considerati elementi fondanti del comportamento di ciascuno ed oggetto di valutazione da parte della direzione aziendale.

Utilizzo di beni, mezzi e risorse aziendali

I dipendenti ed i collaboratori sono tenuti ad impiegare beni, mezzi e risorse messi a loro disposizione nel totale rispetto tutelandone la conservazione e la funzionalità.

Ciascun dipendente e collaboratore è responsabile di beni, mezzi e risorse a lui affidati ed è tenuto ad informare tempestivamente il proprio responsabile circa il loro utilizzo e funzionalità.

 

Rapporti con i terzi

In coerenza con i principi di legalità, lealtà, correttezza e trasparenza contenuti nel Codice Etico è fatto divieto ai dipendenti ed ai collaboratori della Società di dare o promettere a terzi somme di denaro, o comunque utilità di qualsivoglia genere, allo scopo di promuovere o favorire indebitamente gli interessi personali od anche della Società.

E’ fatto obbligo di segnalazione formale alla Società dell’ottenimento di denaro e di qualsivoglia utilità, per qualsiasi motivo concessa, del valore maggiore di euro cinquanta elargita in favore di dipendenti e collaboratori della Società da qualunque terzo avente rapporti economici con la Società medesima.

Selezione e rapporti con i collaboratori ed i fornitori

La Società richiede ai propri fornitori ed ai collaboratori esterni, il rispetto dei principi etici nel presente Codice valutando in particolar modo la loro affidabilità oltre che la professionalità, qualità delle prestazioni rese ed economicità.

La Società vigila affinché le trattative ed i rapporti negoziali con fornitori, appaltatori e subappaltatori siano improntate alla massima correttezza e serietà e siano condotte nel rispetto delle normative.

Rapporti con clienti e committenti

La Società si pone come obiettivo principale la piena soddisfazione delle esigenze dei propri clienti e committenti creando un rapporto basato sulla correttezza e trasparenza reciproca.

 

VIOLAZIONE DELLE NORME DEL CODICE ETICO

Le regole contenute nel Codice integrano il comportamento che dipendenti e collaboratori sono tenuti ad osservare, in virtù delle leggi civili e penali vigenti e degli obblighi previsti dalla contrattazione collettiva.

La violazione delle norme del Codice lede il rapporto di fiducia instaurato con la Società e, in quanto venga valutata come inadempimento alle obbligazioni contrattuali del rapporto di lavoro dipendente o di collaborazione professionale, ai sensi dell’articolo 2104 del Codice Civile, può portare ad azioni disciplinari, legali o penali; nei casi più gravi la violazione può portare alla risoluzione del rapporto di lavoro, se posta in essere dal dipendente, ovvero all’interruzione del rapporto, se posta in essere da un collaboratore o soggetto terzo.


DIVULGAZIONE E ATTUAZIONE DEI PRINCIPI
 

Nella piena consapevolezza dei principi etici elencati in questo Codice, la Società si impegna ad esserne promotrice divulgandoli all’interno della propria struttura, assicurandosi al contempo della piena attuazione degli stessi.

Tutti i dipendenti e collaboratori sono tenuti a conoscere il Codice Etico, a contribuire alla sua attuazione, al suo miglioramento ed alla sua diffusione.